Chiara, 40 anni, counsellor professionista in Analisi Transazionale, Presidente Centro Antiviolenza.

Credi di poterci descrivere brevemente la tua esperienza nel volontariato?

Sono un ‘operatrice volontaria, svolgo l’attività della relazione d’aiuto. Ascolto le donne maltrattate e le aiuto a ritrovare competenze e qualità che il maltrattamento ha distrutto.

Come nasce in te il desiderio di intraprendere questo percorso?

Ho sentito da sempre l’esigenza di essere un individuo sociale, aperto all’esterno. Una decina di anni fa ho capito che i miei temi erano collegati al femminile, al ruolo della donna in questa società e mi sono così avvicinata all’Associazione Donne contro la Violenza. Ho iniziato con il corso di formazione e svolgendo le attività richieste ho desiderato approfondire l’argomento. Mi sono perciò iscritta alla scuola di Counselling di Milano. Attualmente dopo diversi anni di formazione e volontariato ho assunto la presidenza dell’ associazione.

Sei soddisfatta del tuo impegno?

Vorrei sottolineare il fatto che ho sviluppato la formazione del counselling proprio per imparare ad essere utile evitando l’eccessivo coinvolgimento. L’operatrice che si fa trasportare dalle storie che incontra rischia di perdere di vista l’obiettivo da raggiungere. Quello che reputo insoddisfacente è ancora oggi l’ingiustizia che grava sulla condizione sociale delle donne.

Quali sono i” punti fermi”su cui ti appoggi nelle difficoltà?

Con lo studio e l’esperienza ho affinato le tecniche di l’approccio: “. . . mi ascolto, mi fermo a recuperare le informazioni utili, rifletto e solo dopo giungo a una conclusione che mi permette d’intervenire nelle varie situazioni. Ho acuito l’intuizione e mi appoggio sempre all’Analisi Transazionale.

Quali sono gli insegnamenti più importanti che hai tratto dal tuo lavoro?

La sospensione del giudizio, l’accoglienza, l’empatia, il rispetto dei tempi, mio e degli altri, l’attenzione, l’amore per me e per il prossimo, il coraggio.

La sensibilità e l’impegno : Intervista con Chiara Canesi
Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.